Come scrivere per i lettori online: dalla ricerca di un'idea alla lettura del tuo articolo

C'è una buona ragione per cui il 53% dei marketer negli Stati Uniti afferma che i blog saranno la loro principale priorità di marketing dei contenuti nel 2018. Non solo aiuta i marchi a mettere in mostra le loro competenze, costruire la loro reputazione e guadagnare fiducia; aiuta anche ad aumentare il traffico e aumentare le vendite.

Guarda:

Le statistiche mostrano che l'azienda media che blog genera il 55% in più di visitatori del sito Web e il 71% delle aziende che blog ammette che li ha aiutati ad aumentare la loro visibilità.

Ora i blog potrebbero sembrare una soluzione a tutti i tuoi problemi. Ma ecco la parte impegnativa:

Per uno, oggi ci sono più blogger che mai: oltre 350 milioni di blog sono ora disponibili online.

E due, i visitatori del blog non leggono; scremano o scansionano. Pertanto, non solo devi distinguerti nel mare dei contenuti, ma devi anche scrivere per le persone che non leggono.

Fortunatamente, sei nel posto giusto. Perché in questo post ti mostreremo come mettere insieme un post sul blog che attiri l'attenzione e venga letto.

Ecco una guida dettagliata su come scrivere un post sul blog:

  1. Trova un'idea e trova il tuo angolo unico
  2. Costruisci una struttura logica
  3. Scrivi un'introduzione convincente (ma breve)
  4. Sii specifico, fornisci dettagli e suggerimenti attuabili
  5. Rendi il tuo articolo leggibile
Fonte immagine.

Passaggio 1: trova un argomento di cui valga la pena scrivere

Ogni post sul blog inizia con un'idea. Tuttavia, decidere di cosa scrivere e elaborare un argomento originale è spesso una sfida.

Con quasi 3 milioni di post sul blog pubblicati ogni giorno su ogni possibile argomento, come pensi a qualcosa di nuovo e mai scritto prima?

La risposta (nella maggior parte dei casi) è: no. Invece di elaborare un argomento esclusivo, puoi offrire un'angolazione diversa, la tua esperienza unica o dati aggiornati a uno esistente.

Lasciatemi spiegare:

Non importa quanto sia popolare un argomento, non è mai stato discusso dal punto di vista unico della tua o della tua azienda. Non hai esperienza con altri autori, quindi qui: questo è il tuo valore aggiunto.

Siamo lungi dall'essere i soli su Internet che scrivono sulla pubblicità su Facebook, eppure abbiamo esperienza con startup europee e piccole imprese con risorse limitate.

Cercando di spendere il budget dei nostri clienti nel modo più efficiente, siamo spesso costretti a trovare modi creativi per investire i loro soldi. Mettiamo alla prova le nostre idee, traggiamo conclusioni e poi condividiamo le nostre storie con altre piccole imprese che potrebbero avere difficoltà con le stesse sfide.

Quindi, invece di provare a pensare a un argomento di cui gli altri non scrivono, identificare qualcosa di cui già scritto e guardarlo da una nuova prospettiva.

La tua prospettiva è importante. (Fonte immagine.)

Ecco alcune idee su come trovare un'idea per il tuo prossimo post sul blog:

  • Scegli una tendenza pertinente per il tuo pubblico di destinazione, quindi trova un modo per collegarla alla tua azienda o al tuo prodotto. Reddit, Google Trends, Twitter Trends e Buzzsumo sono posti fantastici per trovare gli argomenti più interessanti in qualsiasi nicchia.

Un esempio di vita reale: ecco cosa è successo quando ho scambiato la mia sedia da scrivania con una palla da yoga

  • Scrivi un post supponente su una notizia dal punto di vista della tua o della tua azienda. Un punto bonus se puoi supportare la tua opinione con i dati originali che hai raccolto.

Un esempio di vita reale: SoundCloud ha un'ultima possibilità di monetizzazione: ecco cosa dovrebbe fare

  • Scopri quali dati produce la tua azienda e scrivi una storia basata sulla ricerca, interpretando i risultati e offrendo suggerimenti basati sui dati per il futuro.

Un esempio di vita reale: lo strano rapporto di interruzione del lavoro che è ottimo per la produttività

  • Insegna ai lettori come utilizzare uno strumento o un servizio nella tua nicchia che hai utilizzato nella tua azienda. Condividi ciò che hai imparato e rivela i tuoi migliori hack.

Un esempio di vita reale: come creare annunci Facebook efficaci con un budget di $ 50

Passaggio 2: lavorare sulla struttura e sul flusso logico delle informazioni

Dopo aver avuto un'idea per un post sul blog, il passo successivo è delineare la struttura. Cioè, per organizzare le domande che vuoi discutere e le informazioni che hai in un ordine logico.

Ecco perché la struttura è cruciale e perché spesso dedichiamo più tempo a questo passaggio:

Prima di tutto, una struttura ben organizzata aiuta le persone a seguire i tuoi pensieri e capire cosa stai dicendo e perché. Presentando i tuoi argomenti in un ordine logico e creando connessioni esplicite tra le idee discusse, aiuti le persone a seguire il tuo pensiero e ad assorbire il tuo messaggio.

In secondo luogo, le statistiche mostrano che le persone saltano parole e intere frasi e leggono meno del 20% delle parole in un testo scritto. Una struttura logica e un flusso ponderato di informazioni aiutano tali scanner a orientarsi in un articolo, anche se leggono solo la sesta parola che hai scritto.

Ricorda che le persone online non leggono: scansionano. (Fonte immagine.)

Puoi strutturare le informazioni in un post sul blog in diversi modi, che spesso dipendono dal tuo argomento. Ecco i tipi più popolari di strutture di scrittura:

  • Struttura sequenziale: utilizzata per tipi di articoli dettagliati come questo. L'obiettivo è guidare il lettore attraverso alcuni processi, dall'inizio alla fine. (Pensa a spiegare a qualcuno come cuocere una torta.)

Un esempio di vita reale: annunci di retargeting di Facebook: una guida dettagliata all'invio di visitatori del sito Web in un viaggio di retargeting di Facebook

  • Struttura categoriale: utilizzata principalmente per elenchi o post di blog che elencano risorse. In questa struttura, tutti gli elementi dell'elenco sono ugualmente importanti, quindi di solito sono ordinati in base ad altri parametri (ad esempio, in ordine alfabetico).

Un esempio di vita reale: la guida dalla A alla Z per ottimizzare il tuo negozio online e aumentare le vendite in pochissimo tempo

  • Struttura cronologica: utilizzata per i tipi di cronologia dei post di blog o quando raccontare una storia è più importante del risultato finale. In tali articoli, le sezioni sono disposte in ordine cronologico.

Un esempio di vita reale: da 0 a 100.000 utenti: i 6 anni di DeskTime in revisione

  • Struttura comparativa: spesso usata per articoli supponente. Tali articoli in modo comparativo discutono di un particolare argomento o problema. Ad esempio, l'autore può discutere e confrontare le politiche in diversi paesi, quindi fornire argomenti sul perché alcuni di essi siano migliori di altri. Tali articoli di solito iniziano con un confronto, seguito da discussioni e argomenti.

Un esempio di vita reale: gli studi dimostrano che le migliori politiche sui congedi familiari potrebbero aumentare le entrate degli Stati Uniti

Passaggio 3: mantieni la tua introduzione breve e raggiungi rapidamente il punto

L'introduzione è la seconda parte più importante del tuo articolo, subito dopo il titolo. È qui che la maggior parte dei tuoi lettori decide di rimanere o andare, quindi deve essere non solo avvincente, ma anche diretto al punto.

Pensaci:

Le persone oggi hanno un raggio di attenzione di soli 8 secondi. Non è abbastanza per leggere 3-4 frasi di media lunghezza! Le presentazioni molto lunghe sono quindi uno spreco dell'attenzione di un lettore.

Non sprecare l'attenzione dei tuoi lettori con lunghe presentazioni. (Fonte immagine.)

Invece di scrivere lunghe introduzioni, tienili a 5-10 frasi e usa queste frasi per dire subito ai tuoi lettori cosa devono sapere.

Quello che dici nella tua presentazione dipenderà spesso dal tipo di post del tuo blog. Ci sono tonnellate di diversi tipi di post sul blog (controlla questa lista per ispirazione): ecco alcuni dei più popolari e quali dovrebbero essere le loro presentazioni:

  • Una guida pratica: la cosa principale che il lettore imparerà nella tua guida
  • Un elenco: quali idee il lettore troverà nel tuo elenco
  • Un caso di studio: qual è il principale da asporto dal caso particolare
  • Una storia basata sulla ricerca e basata sui dati: i tuoi risultati principali
  • Una recensione: quali prodotti hai recensito e il tuo verdetto

Ottieni il punto: metti subito le tue carte sul tavolo e salva i dettagli e le informazioni di base per dopo. Perché quando una persona si imbatte nel tuo post sul blog, vuole scoprire rapidamente se sarà interessante e utile per loro. E se no - vai avanti.

Passaggio 4: sii specifico, fornisci dettagli e fai il possibile

Le persone potrebbero rimbalzare da un articolo a un altro per trovare le informazioni di cui hanno bisogno, ma ciò che vogliono veramente è trovare un post che risponda alle loro domande, il tutto in un unico posto. Ecco perché gli articoli più popolari e apprezzati sul Web sono di lunga durata, pieni di esempi specifici, dettagli e suggerimenti attuabili.

Nessuno ha bisogno di articoli più vaghi che non ti insegnano nulla. Seriamente, non c'è niente di più fastidioso che leggere un pezzo che promette di dirti come un'azienda ha guadagnato un milione di dollari, ma tutto ciò che rivela è che l'amministratore delegato ha usato annunci a pagamento.

Siamo. Tu. Prendere in giro. ME?

Fonte immagine.

Molti marchi utilizzano annunci a pagamento, non è quello che vogliamo sapere. Vogliamo conoscere il tuo segreto: una guida passo passo su come hai fatto esattamente, con esempi dei tuoi annunci e suggerimenti concreti sul targeting!

Le persone apprezzano i dettagli e i suggerimenti concreti. Ma ci sono altri modi in cui puoi fare il possibile e per favore i tuoi lettori:

  • Collegamenti a risorse utili in cui trovano maggiori informazioni su qualcosa che hai menzionato nel tuo articolo.
  • Termini, abbreviazioni e termini tecnici essenziali del settore spiegati nell'articolo, quindi non devono cercarli su Google.
  • Istruzioni con schermate se stai insegnando ai tuoi lettori a fare qualcosa.
  • Dati da fonti attendibili che supportano i tuoi reclami perché i lettori online si fidano delle statistiche.

E tu sai cosa?

I tuoi lettori non solo beneficeranno di articoli dettagliati e di lunga durata; così sarà la tua attività, perché anche Google preferisce articoli lunghi.

Il gigante dei motori di ricerca sta dando la priorità ai contenuti approfonditi (ad es. 2000 parole) rispetto ai contenuti più brevi (ad es. 400 parole). Una lunghezza maggiore indica che è più probabile che un determinato articolo risponda completamente alla query di un ricercatore, oltre a incrementare il cosiddetto tempo di permanenza.

Il tempo di permanenza è il tempo che trascorre prima che il visitatore ritorni alla SERP (Pagina dei risultati del motore di ricerca). Più tempo le persone passano a leggere il tuo articolo, più forte è il segnale che invia a Google che i tuoi contenuti sono di alta qualità e meritano di essere in cima alla SERP.

E più il contenuto è lungo e utile, maggiore sarà il tempo che le persone dedicheranno. Maggiori informazioni su come classificare più in alto in SERP.

Passaggio 5: rendi leggibile il tuo post

Ricordiamo come le persone leggono i contenuti online: non lo fanno.

Solo il 16% dei visitatori online legge parola per parola. Il resto dell'84% esegue la scansione (leggi i titoli e visualizza le immagini) o sfoglia il testo scritto (leggi rapidamente durante lo scorrimento).

Nell'era degli scanner e degli skimmer, è importante rendere il tuo articolo leggibile, e quindi intendiamo: facile da esaminare.

Fonte immagine.

Ci sono 3 cose principali su cui dovresti concentrarti per rendere leggibile il tuo post sul blog:

1: Sottotitoli esplicativi ed informativi

I sottotitoli chiari e descrittivi sono cruciali: aiutano le persone a cogliere le informazioni essenziali senza realmente leggere l'articolo.

Scrivi i tuoi sottotitoli in modo che rispondano al titolo. Cioè, se il titolo è "Come scrivere per i lettori online", ogni sottotitolo dovrebbe rispondere a questa domanda.

Ricorda che non solo i titoli rendono più semplice la scansione di un articolo, ma danno anche una struttura coerente ai tuoi contenuti. E come sappiamo, Google ama i contenuti ben organizzati e strutturati.

2: frasi semplici, paragrafi brevi ed elenchi puntati

Frasi lunghe e blocchi di testo rallentano il processo di scansione e ciò spegne i lettori online. Per rendere il tuo articolo più facile da leggere, mantieni le frasi semplici e spezza il tuo brano in brevi paragrafi, non più di 5 righe o 2–4 frasi.

Un altro modo per rendere i contenuti più leggibili e più facili da digerire è quello di suddividere le informazioni in punti elenco. I punti elenco danno anche al tuo pezzo più spazio bianco, e in questo modo risaltano, attirando l'attenzione del lettore.

3: elementi visivi pertinenti al contesto

Gli elementi visivi sono importanti per narrare visivamente e guidare il tuo lettore. Una visuale ben posizionata riporterà un occhio potenzialmente errante al messaggio a portata di mano, spezzerà grandi blocchi di testo e illustrerà il tuo punto senza forzare il tuo lettore a svolgere il compito così arduo di, beh, leggere.

Gli studi dimostrano anche che le immagini aiutano le persone a ricordare le informazioni che leggono. È stato scoperto che quando il testo è accoppiato con immagini pertinenti al contesto, le persone conservano 6,5 volte più informazioni rispetto a quando leggono lo stesso testo senza immagini.

Parole finali: i punti sul tuo io

Fonte immagine.

Quando hai finito il tuo post, dai un'occhiata al titolo e assicurati che si adatti ancora. A volte nel processo di scrittura, potresti allontanarti dalla tua idea iniziale e finire con un pezzo che ha bisogno di un altro titolo.

Scrivere titoli validi e convincenti che ottengano clic è un'arte in sé. Leggi questo articolo su come scrivere titoli accattivanti e il capitolo 4 di questa guida per scoprire come ottimizzarli per i clic e le classifiche di Google.

Fatto ciò, arriva un altro passo: la correzione di bozze. Puoi scrivere un articolo straordinario e utile, ma rovina la tua affidabilità con una grammatica scadente. Chiedi a un amico o un collega di rileggere il tuo pezzo o controlla i database di freelancer come Fiverr, Freelancer o Upwork. Se davvero non riesci a trovare un buon correttore di bozze, utilizza almeno un'app di scrittura come Grammarly che assicurerà che il tuo post sia privo di errori grammaticali.

***

Ora è il momento del tuo primo post sul blog. Una volta pubblicato, assicurati di condividerlo con noi nei commenti qui sotto! E se vuoi più post come questi, dacci un applauso ... o 10.