Foto di Nick Jio su Unsplash

Come usare l'ozio per combattere le battute d'arresto

Intorno al 300 a.C., un ricco mercante partì per un viaggio dalla sua casa nell'antica Cipro, in Fenicia, verso il Pireo, una città portuale vicino ad Atene.

Dopo essere quasi arrivato a destinazione, la sua nave si schiantò e andò sotto, compreso il prezioso carico. Fortunatamente, è sopravvissuto. Alla fine raggiunse Atene e, una volta lì, decise che sarebbe stato meglio non fare nulla per un po '.

Godendosi il suo tempo libero appena trovato, ha trascorso gran parte del tempo passeggiando per la città, esplorando. Un giorno si imbatté in un negozio di libri, entrò e prese il primo libro che gli parlava. Il suo titolo era "Memorabilia". Nel libro, un uomo di nome Senofonte descriveva episodi della vita del suo mentore e di come cercava di aiutare gli altri. Quel mentore era il famoso filosofo Socrate.

Il commerciante fu così ispirato che chiese al proprietario del negozio dove poter trovare più uomini come Socrate. Come voleva il destino, un altro noto filosofo si avvicinò, quindi il proprietario gli indicò semplicemente. Il mercante si avvicinò al filosofo e iniziarono una conversazione. Dopo un po ', decise di rimanere e studiare sotto la guida del filosofo.

Non ha mai lasciato Atene di nuovo.

I pericoli dell'importazione della filosofia

Nel corso della storia, molte idee dell'antico Oriente sono penetrate nelle nuove parti occidentali del mondo. Il più popolare, quello che sembra essere inseparabilmente legato alla nostra cultura moderna, potrebbe essere l'ideale giapponese dietro la frase "nana korobi ya oki". Si traduce approssimativamente in "cadere sette volte, alzarsi otto" ed è un promemoria del valore della resilienza.

fonte

Questa idea è profondamente radicata nel nostro concetto occidentale di ciò che rende una buona vita. È l'unico argomento di migliaia di podcast, ha dato alla luce innumerevoli libri ed è il tema centrale della maggior parte delle conversazioni in giro, anche delle nostre stesse definizioni di successo. Eppure, in questo storico gioco del telefono, sembra che lungo la linea metà del messaggio sia andato perso. Un aspetto che trascuriamo completamente.

I giapponesi sono sempre stati tanto lenti quanto perseveranti.

Non è una brutta cosa. Al contrario, consente un'azione deliberata, decisioni raffinate e il massimo rispetto degli altri nel vederli attraverso. Come direbbe il poeta romano Ovidio: L'acqua gocciolante buca la pietra. E quando fallisci, la velocità con cui torni indietro ha grandi implicazioni.

Ciò che tendiamo a sottolineare è la velocità con cui una persona può digerire una battuta d'arresto, piuttosto che la forza con cui ritornano. Ogni sconfitta dovrebbe essere seguita da un immediato, nuovo tentativo. Passiamo al prossimo. Non è così che diciamo? Ma quando ti affretti a riprenderti dal fallimento, saltando dal fondo di roccia come un jack-in-the-box, è probabile che ti imbatti nello stesso muro di cemento, solo più velocemente. Non sei solo troppo distratto per vedere cosa è andato storto, sei anche troppo occupato per guardare.

E, soprattutto oggi, c'è molto da dire per guardare.

Il naufrago fortuito

Il nome del commerciante era Zenone. Zenone di Citium. Una volta che si tuffò nelle idee della filosofia, le trovò così importanti che non vide altro il destino se non quello in cui si diffuse e insegnò loro per il resto della sua vita.

Per comprendere meglio gli insegnamenti del suo maestro, ha praticato il discorso mentre camminava su e giù per un'importante piazza pubblica ad Atene. Man mano che diventava più articolato, alla fine le persone si radunavano per ascoltarlo parlare. Quando si separò dal suo insegnante circa 20 anni dopo, i suoi stessi allievi sarebbero diventati noti come Zenoniani.

Oggi, tuttavia, chiamiamo quelle persone stoici. Zenone è il fondatore della filosofia stoica. 2000 anni dopo, è uno dei pilastri fondamentali della storia occidentale. Un'intera branca dell'educazione è dedicata allo studio, all'interpretazione e alla comprensione delle sue idee. Insegniamo lo stoicismo ai bambini nelle scuole e ogni mese oltre 300.000 adulti si rivolgono a Google per saperne di più.

Alla fine, tutto ciò risale alla decisione di un uomo di riprendersi lentamente. Invece di correre per recuperare il suo carico, fare il prossimo commercio o tornare a casa con la nave successiva, lasciò che la polvere si depositasse. Una volta fatto, è stato in grado di vedere un nuovo percorso e calpestarlo con sicurezza.

Sono sicuro che sarebbe d'accordo sul fatto che a volte l'ozio può portare a cose straordinarie.

Una possibilità per l'osservazione tranquilla

Non sono un pugile, quindi posso solo immaginare quanta strategia segue essere abbattuto, ma anche se sai che puoi rialzarti, non sarebbe intelligente rimanere giù fino al conteggio alle nove? Sono solo pochi secondi, ma comunque secondi di recupero.

Inoltre, sono secondi di osservazione silenziosa. Ti danno la possibilità di raggiungere il tuo ambiente. Scopri cosa sta succedendo. Certo, la vita non è una partita di boxe. Puoi stare giù per un po '. Prenditi del tempo per pensare. Guarda anche le stelle. E, una volta tornato, uscirai oscillando.

Ma quando rispondiamo a battute d'arresto con attacchi sempre più aggressivi, rubiamo la serendipità dello spazio che deve svolgersi. È impossibile contestualizzare singoli eventi quando sono a pochi centimetri dalla nostra faccia. Abbiamo bisogno di tempo per elaborare, per permettere all'intestino di digerire l'esperienza. In modo che possano condurci nella giusta direzione andando avanti.

Che si tratti della stessa direzione che avevamo o di una completamente nuova, non possiamo sapere in anticipo. Ma ho la sensazione che quelli che fanno un respiro profondo e restano inattivi per qualche tempo, citano spesso le parole di Zenone che guardano indietro:

"Ho fatto un viaggio prospero quando ho sofferto il naufragio."