Come essere felici imparando cose nuove (anche quando fai schifo)

Sai come alcune persone sono davvero brave a mettersi in mostra e imparare cose nuove? Perdono facilmente i loro fallimenti iniziali e si sentono ancora bene a provare anche quando si prendono gioco di se stessi?

Si. Odio quelle persone.

E per "odio" intendo, vorrei essere quella gente. Non sei tu?

Mi sento completamente a pezzi al primo segno di imperfezione quando sto imparando qualcosa di nuovo. È come un minuto che sto imparando a suonare Marry Had a Little Lamb e l'altro dopo mi sono rotto lo stupido strumento sopra il ginocchio e ho dichiarato che tutto era uno spreco di tempo.

Imparare a fare snowboard non faceva eccezione. È tra i primi 5 giorni peggiori della mia vita. Ma come tutti i giorni peggiori hanno il potenziale da fare, mi ha insegnato una MASSIMA lezione su come esercitare pressione su me stesso, perché lo faccio e come essere felice di imparare cose nuove.

Quindi ora lo condivido in modo che anche tu possa imparare queste preziose lezioni senza fare gli stessi errori. Prego.

Imparare a fare snowboard: una delle cose peggiori che abbia mai fatto

Non avevo mai partecipato a nessuno sport sulla neve prima, ma ho partecipato alla mia gita di 6 ° anno in una baita dove ho visto i principianti allenarsi sul bunny hill di fronte. Questo è quello che pensavo di iniziare, ma a quanto pare mio marito, che era il mio istruttore per il giorno, aveva in mente qualcos'altro (è una di quelle persone che provano con facilità nuove cose).

Dopo aver legato uno dei miei piedi sulla tavola scivolosa lasciando l'altro libero sulla neve scivolosa, fui incaricato di seguire mio marito verso l'ascensore. Non so se fosse la mia ansia o la sfida di trascinare la mia tavola di un piede attraverso la neve, ma stavo sudando quando siamo arrivati ​​lì.

Quindi, l'ascensore. Ci siamo riusciti con successo, ma mi sono innervosito a scendere. E mio marito ha terminato le sue istruzioni di partenza dicendo: "Se cadi, tieniti di mezzo prima che le persone successive vengano a sciare dentro di te", non ha aiutato.

Soprattutto perché è esattamente quello che è successo.

Nessuno si è scagliato contro di me, ma dopo aver colpito la neve, sono subito pronto a piantarmi e arrampicarmi come un mostro al lato. Ho sentito che è comune cadere quando si scende dall'ascensore le prime volte, ma in mezzo a persone che mi ridono e mi fanno nevicare nei pantaloni, questo non mi fa sentire meglio.

Questo è quando il mio più grande trigger di vergogna ha davvero iniziato a colpirmi: non sono atletico.

Più specificamente, non sono forte, magro o agile. E sono lento, sovrappeso e pesante.

(Provi vergogna anche per le tue capacità atletiche o l'immagine corporea? Chiaramente, non sei solo.)

Quei pensieri negativi erano la mia base per il resto dell'esperienza di snowboard e non avevo ancora provato la parte reale dello snowboard.

Ma non preoccuparti, peggiora.

Proprio come il resto della montagna, la pista era piena zeppa di persone che sfrecciavano, il che mi faceva sentire ancora più un perdente che cadeva ogni cinque piedi.

Alla fine ho appena rotto in lacrime, la vergogna offuscava la mia visione e torceva i miei pensieri. Mi sono incazzato, e poi sono diventato triste, accartocciato dal peso di non riuscire a soddisfare le mie aspettative di prestazione.

Mi sono seduto lì sul lato della corsa e ho pianto per un po '. Alla fine, ho rimosso i miei piedi dai miei attacchi e ho camminato giù per la montagna che urlava.

Rimasi seduto sul camion per il resto del tempo.

Perché mettiamo così tanta pressione su noi stessi?

La vergogna di questa esperienza è rimasta con me per diversi anni. Non riuscivo nemmeno a pensarci senza spirale in una lieve depressione. Era la prova più palese che tutte le cose vergognose che credevo di non essere atletico fossero vere.

Ma erano davvero?

Perché quel giorno non mi sono nemmeno dato la possibilità di riuscire sulla montagna. Per quanto riguarda i principianti, è del tutto normale sentirsi traballanti e schiantarsi molto e avere una prima volta miserabile. Ma dal momento che ho messo così tanta pressione su me stesso per essere perfetto, mi sono completamente accartocciato.

Per approfondire un livello: ho esercitato tanta pressione su me stesso per riuscire perché non volevo provare la vergogna di non riuscire a dimostrare di essere atletico.

In questo modo, la pressione che mi esercito per riuscire non è il problema alla radice, piuttosto un sintomo della vergogna che già provo. Ma la vergogna è solo un'illusione. Nulla dice è vero. Niente.

Ecco perché.

La vergogna è solo un'illusione. Nulla dice è vero. Niente. Clicca per Tweet

Perché la vergogna è un'illusione

La vergogna è un'illusione perché parla da una mentalità dualistica, in cui due idee opposte non possono essere vere. Sono atletico o sono inutile. Non c'è in mezzo.

Nella vita reale, tuttavia, le dualità non esistono. Tutto è in scala e noi siamo solo un punto da qualche parte lungo di esso. Inferno, la scienza sta persino realizzando qualcosa di apparentemente dualistico come il genere è su una scala più ampia di quanto avessimo creduto in precedenza.

Nel non dualismo (ciò che esiste realmente nella vita reale), è possibile essere sia poco atletici che vale qualcosa. (Ma tieni presente che anche l'atletismo è su una scala.)

Come essere felici imparando cose nuove

Quando proviamo a sconfiggere la vergogna nel suo gioco dualistico facendo pressione su noi stessi per dimostrarlo sbagliato, perdiamo ogni volta. Il modo in cui sconfiggiamo veramente la nostra vergogna è uscire completamente dal riferimento dualistico e adottare un approccio non dualistico.

Non è necessario esercitare pressioni su se stessi quando si pensa in modo non dualistico, perché non si tratta di una o / o lotta. Sei solo un punto da qualche parte sulla linea e varrà sempre la pena qualcosa, non importa dove cadi (letteralmente, nel mio caso).

"Ma per quanto riguarda la produttività?", Chiedi: "Se non faccio pressione su me stesso, non riuscirò mai a fare nulla!"

È davvero vero, però? Posso dirti per esperienza che non lo è, ma vale la pena prenderlo in giro.

Quando crediamo che fare pressione su noi stessi sia l'unico modo per avere successo, stiamo dicendo che la vergogna è l'unico carburante per il successo. La vergogna è un carburante molto potente, non fraintendetemi, ma c'è una forza ancora più forte nell'universo: l'amore.

Quando ami quello che fai, ti piace dedicare del tempo per avere successo. Quando ami il tuo corpo, ti prendi cura di esso mangiando i cibi che desidera e muovendoti nel modo in cui desidera. Quando provi cose nuove per l'amore di allungare le tue abilità, sei molto più felice di farlo.

Quando provi cose nuove per l'amore di allungare le tue abilità, sei molto più felice di farlo. Clicca per Tweet

Avvertenza rapida: quando l'amore è il carburante per portare a termine le cose, a volte sorge un naturale senso di urgenza. Non è pressione però, è passione. Potrebbe essere la semantica, ma per me è una grande differenza.

Il mio carburante per imparare cose nuove sta cambiando dalla vergogna all'amore, quindi ho deciso di provarlo. Solo pochi mesi fa ho provato di nuovo lo snowboard. Ecco come è andata.

Imparare a fare snowboard: una delle cose migliori che abbia mai fatto

Mio marito ed io siamo saliti in montagna con un solo obiettivo: divertirci.

Questo è quello che abbiamo fatto.

Abbiamo iniziato lentamente sulla collina del coniglietto, con Joe che teneva le mani giù per il pendio e mi parlava attraverso la tecnica mentre procedevo. Mi stavo divertendo molto ma dopo alcune ore le gambe mi bruciavano e non riuscivo a fare delle corse di successo. Quindi ci siamo fermati. Eravamo abbastanza consapevoli di sapere quando fermarci e riprovare più tardi, quindi è finito come un successo!

Dal momento che non ho fatto pressioni su me stesso per fare alcun tipo di progresso, ho fatto progressi incredibili nelle poche ore in cui ero sulla lavagna. Divertente come funziona.

Connect Deeper

C'è ancora un altro livello in tutto questo: perché proviamo vergogna in primo luogo. Molto ha a che fare con ciò che chiamo "grande tristezza", o blocchi emotivi che sviluppiamo durante la nostra vita e che portiamo con noi fino a quando non impariamo a liberarli. Ho scritto una guida di guarigione gratuita su come liberare il tuo primo blocco emotivo, che ti aiuterà nel tuo viaggio per liberarti dalla vergogna. Controllalo qui.

Originariamente pubblicato su ourweirdlives.com il 15 maggio 2018.