Hai rinunciato al significato per convenienza? Ecco come ripristinarlo ...

Il desiderio di praticità può arrivare sotto la pelle. Come un'eruzione cutanea che non riesci a lenire, si diffonderà per tutta la vita se non la rinchiudi.

Mentre il lato positivo della vita conveniente è l'efficienza, il lato negativo è la superficialità. Puoi solo sperimentare la superficie delle cose, ed è un posto solitario e vuoto dove stare.

Ma reprimere il desiderio di convenienza non è facile da fare.

Ovunque ti giri vedi messaggi, espliciti o sottili, che ti dicono che i risultati dovrebbero essere a portata di mano: automatizzati, efficienti e semplici. Ti meriti una vita da pulsante. I dossi e le deviazioni sono per gli sfortunati o per i non intelligenti. Sicuramente non tu.

Veloce e facile è la misura del nostro tempo

L'ideologia della convenienza ha guadagnato popolarità per la prima volta quando gli inserzionisti e i progettisti di prodotti degli anni '50 si sono uniti per creare un desiderio insaziabile di "mod-contro" risparmiatori di manodopera, come gli elettrodomestici da cucina.

È cresciuto negli anni '90, catturando la nostra immaginazione con rapidi progressi in elettronica, informatica, consumo e comunicazione. Continua a crescere e ad andare avanti.

L'ideologia della convenienza promuove l'evoluzione del design e cambia il modo in cui viviamo, sopravviviamo, prosperiamo, adattiamo e interagiamo.

Tutti desideriamo modi convenienti per svolgere compiti umili, ma la mancanza di discernimento attorno al nostro desiderio di convenienza è un vero pericolo.

Se permettiamo al nostro desiderio di sanguinare in modo facile e veloce in ogni aspetto della nostra vita, compresi la nostra salute e benessere, apprendimento, creatività, sviluppo personale e spiritualità, dreniamo la nostra forza vitale. Perdiamo la pazienza con le parti più importanti di noi stessi.

Quando la tua ricerca della convenienza domina il tuo desiderio di significato, non tutto va bene.

La crescente avversione all'apprendimento a lungo termine

Dalle scuole elementari alle università, gli insegnanti si lamentano sempre più del desiderio dei loro studenti di sfuggire del tutto al processo di apprendimento. Pensare è troppo laborioso e lento per alcuni studenti. Hanno un urgente bisogno di raccogliere informazioni senza la volontà di esplorare a fondo i loro argomenti.

Di recente ho letto un'intervista con un professore di filosofia dell'Università che ha affermato che i suoi studenti non volevano studiare. È corretto; i suoi studenti di filosofia hanno riferito che non avevano tempo di leggere libri di filosofia.

Gli studenti avevano acquisito tanta familiarità con il consumo di brevi scatti di informazioni che lo costrinsero a tagliare la sua lista di letture solo in alcuni libri "essenziali".

Il professore con riluttanza ha dato agli studenti la sua lista, che ha dimezzato la sua lista originale.

Una settimana dopo, hanno iniziato a chiedere con precisione quali passaggi avrebbero dovuto leggere. Gli studenti hanno affermato di non avere avuto il tempo di leggere l'intero elenco o, come si è scoperto, anche un singolo libro.

Perché preoccuparsi di perdere tempo?

La storia di questo professore riflette molti degli atteggiamenti della cultura della convenienza:

  • Perché dovrei studiare quando posso ottenere la qualifica in ogni caso?
  • Perché fare esperienza quando posso avere successo senza di essa?
  • Perché cercare conoscenza quando sono disponibili informazioni sul mio argomento? (Che cos'è la conoscenza? Non sono solo le informazioni che hai in testa? Perché preoccuparsi quando ho Google?)
  • Perché sviluppare nuove abilità quando le ho imparate a scuola?
  • Perché fare qualcosa quando posso acquistarlo?
  • Perché sporcare e sudare le mani, armeggiare e commettere errori?

Ecco perché…

Un ingrediente chiave scompare quando vivi secondo la regola della convenienza e quell'ingrediente mancante sei tu.

Sparisci dalla tua stessa vita. Svanisci dal tuo lavoro. La tua creatività va sottoterra. Il tuo spirito languisce.

Insistere sulla convenienza per tutto nella tua vita ti rende frammentato, affaticato, frustrato, legittimato, impaziente e arrabbiato.

Come trarre vantaggio dall'inconveniente e sviluppare il significato

1. Scopri qualcosa di nuovo

Imparare qualcosa di nuovo è raramente conveniente.

Più spesso è noioso e arduo, specialmente quando l'argomento è impegnativo.

Ad esempio, mi sono sempre pentito di non aver imparato la musica durante la mia infanzia. Ora, fino all'età adulta, studio pianoforte e musica da 18 mesi.

Durante i primi 6 mesi di studio il mio cervello si è appannato ogni volta che ho provato a concepire la teoria della musica o a leggere anche la partitura musicale più elementare. I miei pensieri sarebbero poi andati alla deriva verso tutte le cose che dovevano essere fatte; inevitabilmente, le cose in cui ero bravo e che potevo fare in modo efficiente e conveniente.

Vorrei sedermi al mio pianoforte e sentirmi in preda al panico per aver perso il mio tempo prezioso.

Quindi mi calmerei, "Va tutto bene, ne varrà la pena un giorno perché avrò il piacere di suonare, leggere e capire la musica.

Quando ho ricordato il mio scopo originale, ho potuto concentrarmi. Potrei sopportare l'inconveniente di tutto.

Ora, tra 18 mesi capisco i fondamenti della teoria musicale. Posso suonare una dozzina di pezzi e l'intera esperienza ha portato un nuovo piacere profondo che non avevo mai provato prima.

Non è ancora conveniente per me imparare la musica. Ogni nuova lezione mi riporta all'ingenuità infantile, sia un posto frustrante che fantastico in cui trovarsi.

La conoscenza viene acquisita attraverso una combinazione di apprendimento, esperienza e contemplazione nel tempo. Investi il ​​tuo sé unico nel campo (di studio), rendendolo così tuo.

2. Coltiva l'amicizia

L'amicizia è spesso scomoda. Deve essere coltivato nel tempo.

Ci richiede di estenderci in molti modi; viaggiare attraverso la città, attraverso lo stato o in un altro paese se l'amicizia deve rimanere in vita.

Skype, social media, messaggistica personale e e-mail ci aiutano a "toccare la base" con gli amici, ma sono metodi dolorosi per consentire esperienze condivise, che è il fondamento dell'amicizia costante.

Non puoi portare una scodella di zuppa di pollo cotta in casa al tuo amico malato tramite Facebook, (anche se a Zuckerberg piacerebbe capitalizzarlo). Non puoi divertire il tuo amico a reagire a un film, a un dipinto o a una canzone tramite Instagram. Per quanto riguarda la condivisione di segreti, storie intime, umorismo eccentrico e piaceri dolorosi, dimenticalo.

I profumi della primavera, una pioggia improvvisa di pioggia, il nuoto estivo e cene umili o sensazionali possono essere condivisi solo nella vita reale e sensuale. I selfie colpo per colpo non si avvicinano.

Intimità faccia a faccia, cuore a cuore, abbracci, coccole, carezze sulla schiena e strette di mano hanno tutti bisogno di un corpo caldo. Potrebbe esserti richiesto di viaggiare!

3. Sii paziente con te stesso

Uno degli sforzi più scomodi, anche il più gratificante, è il tuo auto-sviluppo.

Come l'amicizia, richiede coltivazione nel tempo. In effetti, il passare del tempo è una componente essenziale dello sviluppo personale, a condizione che tu sia concentrato su di esso.

Il percorso di auto-sviluppo richiede pazienza, fede e fede nel tuo Sé essenziale.

Lo sviluppo personale si abbina anche alla volontà di essere di nuovo uno studente, di relazionarsi onestamente con te stesso e coloro che ti aiutano lungo il tuo percorso.

Un aspetto frustrante dello sviluppo personale, che spesso induce le persone ad abbandonare troppo presto il proprio percorso, è che i metodi esterni non possono misurare i progressi. Una laurea in consulenza o salute mentale o un corso di istruttore di yoga di 500 ore non sono la prova che il tuo io sia sviluppato.

Il progresso è misurato attraverso mezzi meno tangibili come l'autostima, la vitalità, l'intelligenza emotiva e la conoscenza interiore. Spesso non ci sono riconoscimenti, non può essere visto da altri, anche se può essere sentito.

Nel mio lavoro, incontro molte persone che cercano un'illuminazione spirituale istantanea. È un concetto illuso, ma comprensibilmente così dato la promessa che fanno molti insegnanti.

Il desiderio di illuminazione istantanea è un problema dell'ego alimentato dalla cultura della convenienza.

Prima dell'illuminazione è il mucchio di legno che deve essere tagliato - lo sviluppo dell'umiltà.

Segue la stabilizzazione delle emozioni e la resilienza psicologica. Questi formano il terreno fertile affinché l'ego diventi sano e lo spirito cresca.

Tutti questi passaggi alimentano il sé permanente, l'anima o l'essere spirituale a cui cerchiamo di ritornare in ogni momento della nostra vita.

Poi arriva un mucchio di legno più grande - e un'ascia più piccola.

Lo sviluppo personale richiede la volontà di essere vulnerabili - di abitare nell'ignoto. È abbastanza scomodo.

L'antidoto al virus della convenienza

Chiedilo a te stesso…

  • Quali aree della mia vita mi stanno chiamando per dare più tempo, pazienza, fede, impegno e concentrazione?
  • Cosa voglio sperimentare, imparare e creare?

Se sei appassionato di praticità, potrebbe essere difficile per te prendere in considerazione qualsiasi sforzo a lungo termine. Il desiderio di imparare e creare potrebbe essere stato smorzato dall'urgenza di fare la vita più velocemente e più facilmente.

In questo caso, la tua mente potrebbe essere troppo confusa per pensare chiaramente.

Inizia programmando 10-30 minuti di tempo quotidiano senza attività, in cui la tua mente può spostarsi e puoi rimanere immerso nel tuo sé sensuale e sensibile.

Cammina nella natura, scrivi idee spontanee e persino là fuori, dormi e riporta la tua mente al tuo corpo con respiri lenti, rilassati e lunghi. Queste attività nutrono la mente subconscia, il luogo della guida interiore.

Chiedi a un caro amico di ricordarti cosa ti illumina; ci sono i fili che puoi seguire per vivere in modo significativo.

Potresti anche voler esplorare i tuoi bisogni e le tue motivazioni più profonde meditando sui tuoi desideri profondi.

Ancora più importante, esercitati a prenderti del tempo per riposare, creare e abitare pienamente la tua vita.

Il tuo spirito brama la tua totale attenzione. Regalati quel dono e osserva espandersi il tuo senso.

Chiamare all'azione

Ho creato una guida e un foglio di lavoro gratuiti per trasformare le credenze che ti impediscono di creare una vita significativa e raggiungere il tuo pieno potenziale.

Scaricalo qui: Transform The Beliefs That Cause You Grief